Ed è con grande entusiasmo che vi annuncio

che ho scongelato gli spinaci.

Oh, non è mica così banale: dovete mettere gli spinaci in padella, a fuoco basso, dovete aggiungere mezzo bicchier d’acqua, coprire la padella e aspettare (in genere una ventina di minuti) che la magia si compia. Poi aggiungete un po’ di sale e ve li mangiate come contorno di non so cosa (in genere con gli arrosti van benone, ma non mi sbilancerei così tanto).

l'entusiasmo, proprio

A me non piace cuocerli col burro e aggiungere il formaggio, mi son di peso, e comunque cotti così sono a calorie pressoché zero (Dukan, vai a ramengo). Ma ho deciso di postarli lo stesso, nella loro semplicità, chiamiamola così, perché verran buoni anche per futuri e più complessi usi.

Restate sintonizzati. Pubblicità.

 

suppellettili utilizzate: una padella

Published in: on 04/12/2011 at 23:27  Comments (11)  
Tags:

Simone Rugiati ti amo e ti ho copiato una ricetta (1) – Spiedini di caprese

Procuratevi dei bocconcini di mozzarella e dei pomodorini (o pachino o ciliegino; se ciliegino, tagliateli a metà), olio sale e origano, spiedini (da non mangiare).

Vediamo se indovinate il procedimento (secondo me no, ma proviamo lo stesso):

furbi e sfiziosi

 

E va bene, non sarà ‘sta ricetta della madonna, però son simpatici e si presentano bene. E non dovete manco usare le suppellettili!

Published in: on 04/12/2011 at 22:45  Lascia un commento  
Tags:

Un investimento per il futuro – l’Orzotto

Lo sapevate che al posto del riso si può usare l’orzo e invece di fare il risotto si può fare l’orzotto?

Io no.

Però ho provato e mi è venuto bene: lo mettete a tostare con una noce di burro, poi sfumate 2 volte col vino bianco. Aggiungete sale e pepe, poi cominciate a cuocerlo aggiungendo pian piano il brodo di dado finché è cotto (in genere ci vogliono 20 minuti o poco più).

Buonino

 

Ora, dopo tutta questa bella descrizione, c’è una cosa che vi voglio confessare: mangiarlo così, tipo primo, uhm, come dire, stoppa un po’.

Il consiglio del genio (cioè ioMUAAHAHAHHAHAHHAHAHHAHA) è il seguente: cucinatelo, lasciatelo raffreddare e mettetelo via. Il giorno dopo trasferitelo in una padella antiaderente e riscaldatelo a fiamma medio-alta: in questo modo si tosterà (è anche un modo per salvarlo se per caso vi è venuto un po’ scotto, sono troppo un genioMUAHAHHAHAHAHHAHAHAHAHHAHHA) e avrà la consistenza giusta per accompagnare qualche secondo di vostro gradimento (non ho consigli, e comunque adesso non esageriamoMUAHAHHAHAHAHHAHAHAH, ‘zzo rido, vabbè).

adesso sì che mi piace

 

suppellettili utilizzate: una pentola per cuocerlo e una padella per riscaldarlo

Published in: on 04/12/2011 at 22:37  Comments (6)  
Tags: