Viaggi culinari – Quant’e’ buona la paella (forse)

Oltre che in Grecia, gli italiani salvano la trippa anche quando vanno in Spagna. Tra gazpacho, crema catalana e arrocerias, possiamo dire che non torniamo a casa con la panza vuota.

Mi e’ toccato andare a Madrid per lavoro (ci tornerei? Non so. Mi aspettavo di piu’) e devo dire che in quei 4 giorni ho mangiato veramente bene. Ad un pranzo aziendale non poteva mancare la fantastica paella di pesce, carne e verdure. Era stata cotta a puntino il giorno prima e poi riscaldata (il riso era sapientemente tostato), quindi non si avvicinava minimamente a quei risotti scotti che mi tocca mangiare tutti i giorni in mensa ma sorvoliamo. Quello che mi ha stupito e’ stato il bilanciamento perfetto tra i sapori: carne, verdure e frutti di mare non erano affatto in contrasto tra loro. Qualcuno dei miei colleghi ha cercato persino di lottare coi crostacei piu’ bastardi dell’universo creato, non perche’ fossero ancora vivi ma perche’ erano un casino da sgusciare; ed e’ qui, siore e siori, che e’ salito in cattedra Fernando, il collega spagnolo, in quel frangente mio dirimpettaio: “Non c’e’ bisogno di maciullare il granchio per mangiarlo, vi faccio vedere come si fa!”.

Ha preso il granchio e lo ha capovolto a pancia in su. E gia’ la visione di ‘ste zampe e chele a penzoloni non e’ che fosse un bijoux. Poi con l’unghia di un pollice ha fatto leva su non so cosa, forse una membrana che si trova nella parte posteriore dei granchi, e lo ha letteralmente scoperchiato con una mossa facilissima.

Si e’ levato subito un coro stupito di “OOOOOOOHHHHHHH!”.

Fernando aveva l’espressione trionfante di chi ha risolto una difficilissima situazione con un coup de theatre, salvo buttare tutto nel cesso non appena ha attaccato le labbra al culo del granchio e ha iniziato a succhiare la ciccia da li’.

E’ stata in assoluto una delle scene piu’ disgustose che mi sia mai capitato di vedere, piu’ di un fazzoletto pieno di caccole, piu’ della carta igienica sporca, piu’ di un’edizione del TG1.

Credo che non mi riprendero’ mai.

Published in: on 07/02/2011 at 16:53  Comments (11)  
Tags:

The URI to TrackBack this entry is: https://mischiatutto.wordpress.com/2011/02/07/viaggi-culinari-quante-buona-la-paella-forse/trackback/

RSS feed for comments on this post.

11 commentiLascia un commento

  1. A Madrid ho fatto la migliore (finora) cena della mia vita.

  2. si vede che davanti a te nessuno ha succhiato ciccia dal culo di un granchio.
    e che hai mangiato?

  3. Intanto davanti a me avevo il Bib che è un omino educato; non mi ricordo di preciso cosa mangiai, però mi ricordo benissimo che il posto era spettacolare, che i piatti avevano un bellissimo aspetto e che i sapori erano molto particolari, nuovi senza essere esageratamente strani.
    Insomma mi ricordo la sensazione piacevole provata.

  4. chissa’ perche’ io mi sento allo stesso modo al ristorante greco…

  5. piu’ di lucignolo bella vita?
    piu’ di uno speciale di studio aperto?

  6. di piu’, di piu’.
    anche il rumore del risucchio non era il massimo.

  7. Fernando è un gaffeur che ha preso l’ennesimo granchio
    ciao

  8. Yet, mi fai schiantare!

  9. …andrò a Madrid a fine Marzo😉 farò caso all’unghia del mignolo degli Spagnoli …promesso🙂

  10. Beh, donna avvisata, mezza salvata… se vedi qualche movimento strano attorno ai granchi, SCAPPA!!!

  11. oh…mmmiooodddiooo che roba disgustosaaaaa!!! mannnooooo!!!!!! O_O


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: